ADACI- SEZIONE Nazionale

Gruppo di acquisto Sportello Logistica ADACI
27/01/2020

IMBALLAGGI: la logica del “gruppo di acquisto” non sempre vince, ecco perchè

E’ comune sensazione che più si acquista e meno si spende. In realtà questo è vero solo quando si considera anche il punto di vista di chi vende e non solo quello di chi compra.

Ad esempio chi necessita di molte scatole in cartone crede di poter ottenere sconti in base al fatturato: ma per il produttore ogni scatola, anzi ogni lotto di scatole, ha vita a sè stante ed è disponibile a concedere un ribasso solo per consegne concentrate su pochi codici.  Chi utilizza molti pallet usati pensa che acquistare di più da un unico fornitore porti ad ad una economia di scala. Ma in realtà poiché l’usato non è un prodotto che si possa produrre e va reperito sul mercato concentrare le richieste su un unico soggetto non fa altro che metterlo in difficoltà, soprattutto in certe stagioni (come l’estate per l’esplosione dei consumi di frutta  verdura). Lo stesso vale per gli imballaggi plastici e per i film estensibili che al volume privilegiamo la certezza dei lotti di consegna a causa dell’alta incidenza degli attrezzaggi. O per le casse in legno in cui raggruppare il montaggio, quando questo è richiesto in carico al fornitore, è la vera chiave per spendere meno.

E quindi? come si risparmia?

Esattamente come fa chi ogni giorno deve fare la spesa al mercato

1) scegliendo e fidelizzando pochi venditori in modo da essere considerati come clienti importanti da non trascurare

2) pensando con la loro testa, cioè comprendendo (o chiedendo direttamente  ai fornitori) le logiche di produzione e distribuzione in modo da proporre condizioni contrattuali vincenti per entrambi

3) valutando bene il livello di servizio che desideriamo. O meglio che la nostra azienda e i nostri clienti percepiscono. Da anni le lavatrici non sono più verniciate all’interno , visto che nessuno se ne accorge, e il processo di pittura è sostituito da una più economica pre-zincatura della lamiera che impedisce comunque l’aggressione della ruggine.

Recentemente alcune aree di servizio autostradali hanno ridotto la quantità di zucchero nelle bustine del caffè, alla luce del fatto che in molti non le usavano in modo completo. Ed i noleggi operativi di auto o di fotocopie sono tariffati sui reali consumi (in km percorsi o copie stampate) anziché in un puro canone fisso.

Ecco quindi che le qualità che deve rafforzare un buyer sono la conoscenza tecnica del prodotto acquistato, la comprensione delle logiche di quello specifico mercato e la interpretazione del reale utilizzo che l’azienda fa dei beni acquistati. Si tratta di punti che sugli imballaggi, prodotti che molti giudicano “commodities” cioè intercambiabili da un fornitore all’altro, diventano quasi sempre più importanti di un puro acquisto in gruppo che a prima vista propone dei risparmi, ma a ben guardare non permettere di ottenere il massimo risparmio possibile.

Per approfondire le logiche delle varie voci di imballaggio lo Sportello Logistica di Adaci è a disposizione dei soci, vari direttamente alla pagina della sportello e compila il form per richiedere informazioni: http://bit.ly/2RrW5hk